Vi presentiamo LP, cantautrice dalla voce inconfondibile

Si chiama Laura Pergolizzi, ma è ormai conosciuta con il suo nome d’arte, ovvero LP, la cantante italoamericana che ha raggiunto il successo grazie al singolo Lost On You – popolare soprattutto in Europa, in particolare in Grecia dove ha raggiunto la cima delle classifiche radiofoniche per diverse settimane – rilasciato nel giugno del 2016, che ha spopolato in radio e il cui video ha superato le 28mila visualizzazioni su YouTube; il brano è decisamente popolare anche su Shazam – l’applicazione in grado di riconoscere una canzone dopo il suo ascolto – almeno per quanto riguarda la Francia, l’Italia, la Grecia e molti altri paesi europei.

Nonostante il suo successo sia relativamente recente, la carriera musicale di LP è iniziata una quindicina di anni fa: il suo nuovo album, intitolato, in onore dell’omonimo singolo, «Lost On You», risulta essere il quarto album dell’artista americana, che ha esordito nel 2001 con un album intitolato «Heart-Shaped Scar»; la cantautrice ha inoltre scritto per molti artisti famosi come Rihanna, Christina Aguilera, Cher e perfino i Backstreet Boys.

Il suo ultimo album comprende 10 tracce, cinque di queste già presenti nell’EP «Death Valley», tra cui Muddy Waters che è stata inserita nella colonna sonora della celebre serie televisiva targata Netflix, Orange Is The New Black, in chiusura dell’ultima puntata della quarta stagione.
Nei suoi lavori – che spaziano da toni malinconici e romantici, spesso cupi e nostalgici, ad altri più energici – è possibile fin da subito individuare delle costanti: in primo luogo la voce, forte e delicata allo stesso tempo, limpida e con un’ottima estensione; poi la presenza dell’ukulele, uno dei tratti principali dei brani di LP, insieme al fischiettio, che continua a riecheggiare nelle nostre orecchie anche dopo l’ascolto. Le sue canzoni parlano di rotture, di ex-ragazze ed esperienze di vita passate che l’hanno segnata:

«Quando ho scritto quella canzone avevo rotto con quella persona da un anno, era come se stessi soffocando lentamente… Inizio sempre una relazione sperando che duri per sempre, penso che la maggior parte delle persone lo faccia, e poi c’è quel periodo spaventoso in cui ti rendi conto che non sta più funzionando», ha affermato riguardo al suo singolo di successo, Lost On You, in un’intervista del 17 febbraio per l’Independent.

I suoi sono brani coinvolgenti, forti, sempre nuovi e freschi, dai testi profondi e dalle note decise, in cui si sentono soprattutto la chitarra e la batteria – e, a volte, anche il tamburello come in Muddy Waters, la traccia forse più cupa dell’album accompagnata da un coro di voci basse e profonde – che vengono poi sovrastate dalla sua voce potente, che conquistaUna voce che risulta ancora più possente nelle performance dal vivo dell’artista: la cantautrice, infatti, ha cominciato a fine marzo il suo tour, partendo dall’Europa e facendo tappa in Italia nei giorni scorsi.

Noi abbiamo assistito al concerto di Padova, dove, sullo sfondo di una scenografia decisamente semplice, fatta di luci colorate sempre tendenti al viola e al blu, LP ha dato prova della sua professionalità: il pubblico è rimasto sorpreso dalle sue note alte, dai suoi fischi che hanno fatto quasi tremare il teatro e dalle sue capacità di polistrumentista (ha alternato infatti molti degli strumenti a lei cari, come l’ukulele, chitarra, l’armonica e il tamburello). Nonostante l’esibizione sia durata appena un’ora e mezza, la cantante ha  regalato al pubblico tutta la sua energia – e anche una canzone inedita, intitolata Switchblade, estratta dal suo prossimo album in uscita.
In definitiva, LP è un’artista decisamente talentuosa, che finalmente sta ottenendo la visibilità e il successo che merita.

L’immagine in evidenza è tratta dal video di Lost On You.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *